MCS, Sensibilità chimica multipla

La sensibilità chimica multipla, in inglese Multiple Chemical Sensitivity (MCS), secondo la definizione che ne dà il National Institute of Environmental Health Sciences statunitense, è una malattia causata dall'impossibilità di una persona a tollerare un dato ambiente chimico o una classe di sostanze chimiche.
Spesso confusa con allergie di vario genere, con disurbi psichiatrici, del comportamento, si manifesta disturbi soggettivi della salute, simili nella MCS e in  numerose altre condizioni simili, come la spossatezza, il dolore muscolo-scheletrico cronico, comuni nella sindrome da affaticamento cronico e nella fibromialgia.

Le persone cui è stata diagnosticata una MCS dichiarano di soffrire di disturbi estremamente vari, generici ed aspecifici.

Non esistono infatti due pazienti che presentano i medesimi sintomi o la medesima risposta ad una stessa sostanza o situazione, aspetto che per lungo tempo ne ha impedito il riconoscimento corretto come patologia.


I sintomi comunemente lamentati nella MCS sono spesso aspecifici:

  • difficoltà respiratorie, dolori toracici e asma
  • irritazione della pelle, dermatiti da contatto, orticaria ed altre forme di eruzione cutanea
  • emicrania
  • astenia marcata e non spiegabile in alcun modo, senso di affaticamento e letargia
  • "annebbiamento mentale" (amnesia a breve termine, disfunzioni cognitive)
  • modificazioni della personalità acute ed improvvise (attacchi di panico, fobie, aggressività immotivata)
  • difficoltà digestive, nausea, indigestione, bruciore di stomaco, vomito, diarrea
  • multiple intolleranze a cibi, più o meno clinicamente identificabili (ad esempio intolleranza al lattosio e celiachia)
  • dolore ai muscoli e alle articolazioni
  • vertigine e capogiro
  • senso dell'olfatto ipersensibilizzato, ipersensibilità alle fragranze vegetali (terpeni) e di origine sintetica

Tali sintomi si accompagnano spesso a depressione e stati ansiosi.
Le persone affette da MCS non possono stare a contatto con una lunghissima lista di sostanze e oggetti tra cui solventi, vernici, colla, combustibili e gas di scarico delle auto, pesticidi, fungicidi, insetticidi, materiale di arredo nuovi, produzioni di legno, detersivi, cloro, ammoniaca, articoli profumati, materiale odontoiatrico, disinfettanti, gas anestetici, medicamenti e odori vari di cibi e bevande.


Le terapie disponibili in Medicina Integrata si avvalgono di procedure di disintossicazione, mediante rimedi  fitoterapici, saune, sostegno ai principali organi emuntori (fegato, reni, pelle), della supplementazione di vitamine, antiossidanti, prodotti antinfiammatori di origine naturale, dieta con cibi di origine biologica certificata, uso di vestiti privi il più possibile di sostanze chimiche non tollerate, ma la principale misura che ad oggi i malati debbono sempre tenere presente è l’evitamento dei luoghi che percepiscono come non salutari.