Componenti-attivi-dei-cannabinoidi

I COMPONENTI ATTIVI

I componenti farmacologicamente piu’ attivi sono i cannabinoidi, i terpeni, i flavonoidi e gli alcaloidi.

Tra i cannabinoidi, i più noti sono sicuramente il THC (delta-9-tetraidrocannabinolo) e il CBD (cannabidiolo) e il CBG (Cannabigerolo).

Il THC è la principale molecola responsabile delle proprietà farmacologiche e psicoattive della pianta.

Le sue azioni farmacologiche sono: analgesico, antiossidante, antinfiammatorio, antiemetico, miorilassante, antiprurito, broncodilatatore, euforizzante.

Il CBD, invece, non possiede effetti psicotici, ma è in grado di modulare l’azione del THC prolungandone gli effetti terapeutici e limitandone quelli collaterali.

Le sue principali azioni farmacologiche sono ansiolitico, antipsicotico, analgesico, antinfiammatorio, antiossidante, antispasmodico, anticonvulsivo.

Si stanno effettuando studi sulla sua efficacia come regolatore del livello di glucosio nel sangue, migliorativo della circolazione sanguigna nei pazienti diabetici, azione citossica nei confronti delle cellule tumorali, disturbi del sonno, apnee notturne, paura/ansia, disturbo da stress post-traumatico, depressione.

Il CBG è uno dei cannabinoidi non psicoattivi prodotti dalla cannabis. 

La ricerca ha evidenziato che il CBG può avere  effetti positivi sulla salute dell'essere umano, ed in particolare:

 

  • Cura dell’ansia e della tensione muscolare in quanto il CBG inibisce il neurotrasmettitore GABA (acido gamma-amminobutirrico) 
  • Trattamento del glaucoma in quanto riduce la pressione intraoculare aumentando il drenaggio del fluido dell'occhio, al pari degli altri Cannabinoidi
  • Trattamento delle malattie infiammatorie intestinali come il morbo Crohn 
  • Antidepressivo
  • Effetti anti-nausea e anti-emetico
  • Proprietà antitumorali in particolare nei casi di tumore al colon, alla prostata, alla pelle e al seno 
  • Proprietà neuroprotettive
  • Proprietà antifungine e antimicrobiche
  • Trattamento della psoriasiin quanto inibisce la proliferazione dei cheratinociti 
  • Trattamento delle disfunzioni vescicali, in particolare nella riduzione delle contrazioni vescicali 

I TERPENI

Oltre ai cannabinoidi, esiste un’altra classe di sostanze presenti nella cannabis di grandissimo valore terapeutico: i terpeni.

Sono sostanze volatili che esplicano diverse attività terapeutiche dirette o di supporto ai cannabinoidi. 

I TERPENI

Oltre ai cannabinoidi, esiste un’altra classe di sostanze presenti nella cannabis di grandissimo valore terapeutico: i terpeni.

Sono sostanze volatili che esplicano diverse attività terapeutiche dirette o di supporto ai cannabinoidi.